Progetto RITMIA

Amica musica

A gennaio ai bambini, suddivisi nelle tre classi di età,
viene proposto un ciclo di lezioni di propedeutica musicale secondo il metodo di RITMìA.

Assecondando la natura dinamica dei bambini, con una guida adeguata, questo metodo insegna loro che
ciascun suono è la diretta conseguenza di un preciso movimento o della sollecitazione di un oggetto specifico
e che ogni sonorità è strettamente legata all’immagine espressa tramite i vari gesti.

Il nostro Laboratorio di Ritmia si articola in:

1.

Lasciando spazio all’immaginazione, ci immergiamo in un “mondo incantato”, dove fare e ascoltare il silenzio diventa un momento di autocontrollo e concentrazione e un mezzo per enfatizzare le sensazioni indotte dalla stimolazione sonora.

2.

Impariamo a gestire lo spazio e a osservare il gruppo sia in silenzio che attraverso la produzione sonora, alternando schemi motori di base a posture e tecniche respiratorie per predisporli all’ascolto e all’osservazione di se stessi e degli altri.

3.

Impariamo ad esprimerci con la voce in gruppo, combinando silenzi, vocali, consonanti e parole per creare ritmi, melodie e armonie.

4.

Impariamo a tradurre sugli strumenti musicali e nell’esecuzione degli schemi motori i ritmi appresi attraverso la vocalità per affinare l’esecuzione strumentale di gruppo rendendo più efficace l’approccio al fare musica e al muoversi insieme.

Cos'è la RITMIA

RITMìA è un nuovo approccio propedeutico che si propone di avvicinare alla musica i bambini a partire dalla prima infanzia, rispondendo alle attuali esigenze educative sia sul piano dell’integrazione sia per quanto riguarda gli aspetti del rilassamento, la concentrazione e la capacità di ascoltarsi e ascoltare.

La RITMìA introduce all’educazione musicale attraverso il gioco, integrando il fare e ascoltare musica con l’espressione corporea, l’esecuzione di posture e pratiche respiratorie, e l’utilizzo di tecniche grafico-pittoriche, intese come prime forme di notazione non-convenzionale.

Chi la insegna

La nostra insegnante di RITMIA è Lucia Cocchi, laureata in Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione, che unisce la sua passione per la musica classica alla professione e approfondisce metodologie che indirizzino i bambini ad un ascolto attivo della musica. Frequenta seminari di Musicosophia, Danceability e Musicoterapia.

Gestisce, insieme alla Dott.ssa Pitrelli, l’associazione culturale Il Mulino, che fornisce consulenze ai genitori, promuove incontri di formazione per genitori e/o educatori in sede e nelle Scuole, e gestisce il Micronido “Il Mulino a Vento”.

Con che metodo

I bambini scoprono gli strumenti musicali durante il gioco e iniziano a manipolare i suoni dando a questi elementi lo stesso valore simbolico che attribuiscono spontaneamente ai loro gesti. Così il battere ritmico di un tamburo non sarà più una successione di colpi ripetuti automaticamente, ma un accompagnamento a particolari movimenti, sottolineando e rafforzando sensazioni e immagini.

Il gruppo diventa “un’orchestra in movimento nello spazio” dove i suoni dei singoli si intrecciano con quelli dei compagni per creare particolari effetti timbrici e strutture ritmiche.

Pin It on Pinterest

Share This